Londra ed il Fascino delle Subcultures




Londra ed il Fascino delle Subcultures

Oggi a parlarci della sua Avventura a Londra è Veronica Baldassari, studentessa di Advertising & PR presso Richmond University, il suo articolo tratta della movida Londinese e del fascino delle subcultures, vediamo cosa ha da raccontarci:

“La mia esperienza nella capitale unita alle varie ricerche condotte durante il mio corso universitario presso Richmond University mi ha portato ad individuare i migliori locali e negozi dove è ancora possibile percepire un’atmosfera old-fashioned, ispirata alla musica e allo stile delle subcultures.”
 

CAMDEN TOWN
“Like tin soldiers responding to the call
to Camden we will crawl
One and all
Oh, down to trash and lordie-lords
By icons we were lured
One and all”

The Libertines, Fame and Fortune

 THE MODFATHER

Chalk Farm Rd – London NW1 8AH

Il negozio approvato e frequentato dal Modfather in persona: Paul Weller. Sebbene abbia dovuto abbandonare la precedente ubicazione che rientra nella rinnovata area ristorazione del mercato, il negozio rimane all’interno dello Stables Market e continua ad offrire completi, parka, polo e quant’altro, il tutto in vero stile Mod.



MARTENS MADE FOR CAMDEN

Chalk Farm Rd, London NW1 8AH – The Stables Market

Il nuovo spazio aperto da Dr. Martens è molto più di un negozio: accanto ai vari modelli della mitica calzatura è possibile ammirare un’esposizione di memorabilia che ripercorre la storia del marchio e del suo rapporto con la musica Ska, Reggae, Punk, Rock ed i suoi protagonisti. Nella stessa stanza è presente un palco allestito per ospitare ogni settimana diversi Dj e musicisti. Il negozio espone inoltre una collezione creata appositamente per Camden introvabile altrove, ed offre la possibilità di personalizzare il proprio paio di Dr. Martens.

THE DUBLIN CASTLE

94 Parkway, London NW1 7AN

Appena entrati, attrarre l’attenzione da sopra al bancone è la foto autografata da Suggs, cantante dei Madness, che hanno infatti iniziato la loro carriera sul palco del locale. Il pub è successivamente diventato uno dei centri principali del Britpop negli anni ‘90 e della seguente scena indie. Nel 2015 il Dublin ha infatti ospitato un concerto segreto dei Libertines.

 

THE ELEPHANT’S HEAD

224 Camden High St, London NW1 8QR

Il pub raduna appassionati di musica di tutte le età e dalle più bizzarre combinazioni di capi d’abbigliamento. Durante i weekend, un DJ old-school suona i migliori pezzi Ska, Reggae e Rock&Roll, non solo per il suo fedelissimo pubblico, ma anche per gli avventori occasionali.

 

 

CARNABY STREET

 “On Carnaby you still can get the threads
If you wanna be a mod, a punk, a ted or a suedehead”
Madness, We are London
 
La via del quartiere di Soho protagonista di varie canzoni e della ‘Swinging London’ degli anni ’60.

SHERRY’S

63 Broadwick St, Carnaby, London W1F 9QX

In una delle viette laterali di Carnaby Street, Sherry’s sopravvive all’invasione dei grandi marchi che hanno sostituito i precedenti negozi indipendenti, vantando un’offerta di collezioni di abbigliamento di qualità britannica, edizioni limitate e marchi esclusivi. Aperto nello stesso anno dell’uscita di Quadrophenia, film cult basato sull’omonimo album degli Who, Sherry’s ha costruito nei suoi 40 anni di attività un largo seguito di clienti influenti provenienti dagli ambienti della musica e del cinema.

PRETTY GREEN

56-57 Carnaby St, Carnaby, London W1F 9QF

Aperto nel 2010, il negozio ha lanciato il marchio di abbigliamento fondato da Liam Gallagher ed ispirato allo stile Mod e Casual.

Disposto su tre piani, il seminterrato ospita anche esibizioni live di gruppi legati alla cultura Britpop.

 

CENTRAL LONDON
“Found myself in a strange town
Though I’ve only been here for three weeks now
I’ve got blisters on my feet
Trying find a friend in Oxford Street”
The Jam, Strange Town

MORITZ CLUB

159 Wardour St, Soho, London W1F 8WH

Locale sotterraneo di dimensioni alquanto limitate dove Joe Strummer suonò prima di fondare i Clash. Il locale ha mantenuto lo stesso aspetto dagli anni ’60 e continua a radunare amanti di Jazz, soul, Rock&Roll.

100 CLUB

100 Oxford St, Fitzrovia, London W1D 1LL

Mimetizzato tra I negozi di Oxford Street, il leggendario 100 Club, aperto nel 1942, ha visto l’alternarsi delle varie correnti musicali e dei suoi protagonisti: Dal Blues di Muddy Waters and BB King, il Rock degli Who e dei Kinks, il Punk dei Sex Pistols, fino al Reggae degli anni 70. Il locale è stato inoltre promotore del movimento Northern Soul ed ha ospitato i primi concerti dei protagonisti del Britpop Oasis e Blur, fino alle più recenti band degli anni 2000. Essendo tutt’ora considerato una vera istituzione, il club continua ad offrire il suo palco a concerti segreti di gruppi storici e ad essere protagonista di documentari sulla storia delle subcultures.

EAST LONDON
“East London’s not a bomb site
It is a treasure chest
We use our penguin costumes
More than our evening dress”
The Wombats, Techno Fan

MOTH CLUB

Old Trades Hall, Valette St, London E9 6NU

A pochi passi dalla stazione di Hackney Central, il Moth Club offre la migliore selezione musicale e i clienti più stilosi. Aperto come ritrovo esclusivo per veterani militari, dal 2015 ospita feste, musica live, quiz e proiezioni di vecchi film. Il profumo di incenso ed il soffitto a volte dorate offrono un’atmosfera retro quasi surreale

THE OLD BLUE LAST

38 Great Eastern St, Shoreditch, London EC2A 3ES

Accanto ai trendy club e bar di Shoreditch sopravvive The Old Blue Last, il pub che anche Shakespeare era solito frequentare. Acquistato nel 2004 dalla controversa rivista Vice, è oggi uno dei migliori indie pub della città, che offre, ad ingresso libero, musica live quasi ogni sera.

Oltre ai migliori luoghi da visitare ecco i migliori 5 posti dove andarsi a fare un drink! 



2018-10-10T16:40:57+00:00agosto 21st, 2017|British Culture|Commenti disabilitati su Londra ed il Fascino delle Subcultures
Shares